martedì 20 agosto 2013

Un folletto per Lara


Prima gli impegni , poi le vacanze… e ora basta è tempo di rimettersi a creare ^_^


Ben ritrovati cari amici/amiche,
in questi giorni, tra un po’ di mare e varie faccende, mi sto dedicando a realizzare dei ricordini per una nascita prevista a fine ottobre e seppur per ora non vi anticipo nulla… presto vi mostrerò le foto che raccontano molto più delle parole. 

Quest’oggi però resto in tema di bambini con una realizzazione 
creata per una bella e pacioccosa bimba di nome Lara… 
e vi presento un folletto decorativo per culla e/o passeggino. 


Le sue dimensioni complessive sono circa tra i 20/25 cm di lunghezza 
ed è realizzato con il filato Mondial Solare (100% puro cotone Egitto makò), 
così come per i fiocchi nascita, questa linea ha colori brillanti e un filo compatto che evita facili sfilacciamenti.
 La struttura di questo folletto è molto semplice.
 Il corpo è una pallina tricolore e la testa, anch’essa tonda, è arricchita da due lunghe trecce bionde e un simpaticissimo cappello a punta, sempre realizzato con le stesse tonalità del corpo,
 ma invertendo l’ordine dei colori.
 
Un’asola ben fissata alla struttura principale del corpo, ma celata attraverso il cappello, crea un solido supporto che permette di appendere questa decorazione ovunque.

Piccoli e delicati dettagli, trattati come un ricamo, caratterizzano la creazione.

La parte bassa invece è rifinita con una frangia a cui sono applicati tre fiori nelle tonalità principali dell’intera realizzazione… ma cosa si cela oltre questi fronzoli?


I bambini oltre dagli stimoli visivi sono attirati da quelli sonori e quindi ho applicato un campanellino che accarezzato dal vento culla il bambino con il suo tintinnio.
Mi piace molto applicare in queste decorazioni dei campanelli perché, come vi ho già raccontato, è simbolo di buon augurio e - secondo la tradizione orientale - il suo tintinnio infonde coraggio e forza al bambino proteggendolo dagli spiriti malvagi.

 Inoltre ultimamente è sempre più diffuso regalare alle donne incinta quello che chiamano chiama angeli (o bola messicana) e dopo il parto dovrebbe essere posto vicino al bambino, che ormai conosce bene quel suono, quindi ho pensato che potrebbe essere una buona idea fissare non un campanellino qualsiasi, ma proprio quello che per nove mesi la mamma ha indossato.
Voi che ne pensate?

Al prossimo post  ^_^

Nb: per quanti di loro volessero richiederlo con la variante di applicare il chiama angeli, non è necessario inviarmi quest’ultimo, in quanto è una facilissima operazione che è possibile fare da sé.